· Città del Vaticano ·

La preghiera alla Vergine dei Sette dolori

«Guardaci con tenerezza e risana le nostre ferite»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 settembre 2021

Prima della messa di mercoledì mattina, 15 settembre, nel santuario nazionale di Šaštín il Papa ha presieduto un momento di preghiera insieme con i vescovi della Slovacchia. Introdotta dal segno della Croce e dal Gloria, la preghiera mariana di affidamento alla Vergine dei Sette dolori — che pubblichiamo di seguito — è stata seguita dalla recita del Padre Nostro, dall’orazione conclusiva e dalla benedizione.

Nostra Signora dei sette dolori,
siamo riuniti qui davanti a te come fratelli,
grati al Signore per il Suo amore misericordioso.
E tu sei qui con noi,
come con gli Apostoli nel Cenacolo.

Madre della Chiesa e Consolatrice degli afflitti,
con fiducia ci rivolgiamo a te,
nelle gioie e nelle fatiche del nostro ministero.
Guardaci con tenerezza
e accoglici tra le tue braccia.

Regina degli Apostoli e Rifugio dei peccatori,
che conosci i nostri limiti umani,
i fallimenti spirituali,
il dolore per la solitudine e l’abbandono:
risana con la tua dolcezza le nostre ferite.

Madre di Dio e Madre nostra,
ti affidiamo la nostra vita e la nostra patria,
ti affidiamo la nostra stessa comunione episcopale.
Ottienici la grazia
di vivere con fedeltà quotidiana
le parole che il tuo Figlio Gesù ci ha insegnato
e che ora, in lui e con lui,
rivolgiamo a Dio nostro Padre.