· Città del Vaticano ·

Le incognite di una nuova era

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 settembre 2021
Il bilaterale Francia-Italia, in queste ore, si interroga sul futuro dell’Afghanistan, mentre per le strade di Herat le donne chiedono di poter continuare a lavorare. Il tempo del prima e quello del dopo passano inevitabilmente, a Kabul come nelle aree rurali, per strettoie molto ardue, chiamando coloro che restano a confrontarsi sul come riorganizzarsi in questa nuova (e sgradita ai più) realtà. Intanto però chi resta deve pensare a come andare avanti per non perdere definitivamente alcuni piccoli obiettivi sociali raggiunti. L’Afghanistan ha una popolazione di più di trentuno milioni di abitanti, che hanno scandito spesso il loro tempo evidenziando sempre un “prima” e un “dopo” avvento talebano, anche in termini di formazione e istruzione, come ha detto un noto commentatore alla Cnn. Facciamo il punto ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno