· Città del Vaticano ·

«La casa di Roma» di Pierluigi Battista ovvero l’anima narcisistica del Novecento

L’Io che non conosce il Noi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 settembre 2021
Scriveva Lev Tolstoj che «tutte le famiglie felici sono uguali, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo». Per questo, probabilmente le famiglie infelici hanno una storia da raccontare, un mistero da scoprire, un dolore da scoperchiare. Per questo hanno ispirato grandi narrazioni. La casa di Roma di Pierluigi Battista (Milano, La nave di Teseo, 2021, pagine 304, euro 19) è un romanzo epistolare sulla sofferenza, le divisioni i disastri, gli odi, i tradimenti ma anche i silenzi, gli imbarazzi della famiglia Grimaldi: due vecchi genitori, due fratelli, le loro mogli, i loro figli, i loro nipoti. Quattro generazioni la cui vita si svolge nel “secolo breve”, in quel Novecento che, nella prima metà, ha sconvolto e distrutto l’esistenza di tanti ma che poi, a metà del suo corso, è sembrato ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno