· Città del Vaticano ·

La madre di Pietro Marrone racconta i 100 giorni del figlio nelle prigioni libiche

Le catene di Rosetta Ingargiola

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
31 agosto 2021
La «nassa» è la rete usata per la pesca dei crostacei. Una trappola fatale da cui non si è più liberi di tornare indietro. Pietro Marrone, detto Piero, 47 anni compiuti lo scorso 13 agosto, è dunque il marinaio che, al pari di altri diciassette pescatori, si è sentito davvero come in una «nassa». È il i° settembre 2020 quando, coi colleghi a bordo di diversi motopescherecci, viene sequestrato dalle milizie libiche. Dalle acque internazionali dove si trova per lavoro — e più in particolare per inseguire quel gambero rosso che un giorno verrà servito sulle tavole mondane — Marrone viene fatto prigioniero dagli uomini del generale Haftar e pertanto spostato attraverso quattro carceri. La stessa sorte tocca anche agli altri. Nessuno dei marinai, per 108 ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno