· Città del Vaticano ·

La non banalità del male

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
31 agosto 2021
Pubblichiamo uno stralcio del saggio intitolato «Il male in Dostoevskij», secondo capitolo del volume «Dostoevskij. Filosofia, romanzo di esperienza religiosa» (Einaudi, 1993). L’esperienza fondamentale e decisiva di Dostoevskij è la constatazione della realtà del male: non per nulla è stato detto che Dostoevskij è «ossessionato» dalla presenza del male nel mondo. Contro il facile ottimismo idealistico e positivistico dell’Ottocento, per cui il male non è che un elemento dialettico destinato al superamento o un episodio passeggero del trionfale progresso dell’umanità, egli ricorda che la realtà del male e del dolore, del peccato e della sofferenza, della colpa e della pena, del delitto e del castigo, è purtroppo una realtà effettiva e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno