· Città del Vaticano ·

«L’inventario delle mie stranezze» di Silvia Pillin

Agata e le sue tempeste

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
31 agosto 2021
«Per me stare con gli altri è come restare a guardare un gruppo di stranieri che parlano la loro lingua, una lingua che io sono l’unica a non conoscere». Agata è diversa. Tanti gesti e atteggiamenti lo rivelano; tante scelte, priorità e gusti. Tolto il fatto che la sua materia preferita a scuola è la matematica (perché fatta di regole certe e prevedibilità), la diversità di Agata emerge dalle molte cose che non le piacciono: la ricreazione, il tè, i cuori, le parole che possono significare sia una cosa che il suo contrario, gli autobus, il contatto fisico, i cani. Perché, come scopriamo leggendo L’inventario delle mie stranezze di Silvia Pillin (Trieste, Edizioni EL, 2021, pagine 144, euro 14,50), la protagonista undicenne e io narrante del libro ha la sindrome di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno