· Città del Vaticano ·

«La morte del tempo», un saggio di Umberto Curi

Fu vero Goya?

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 agosto 2021
Se c’è un quadro che esemplifica il legame inscindibile tra il tempo e la morte è Saturno che divora suo figlio, una delle quattordici Pinturas negras realizzate da Francisco José Goya intorno al 1820. Saturno simboleggia l’immagine del tempo che per sopravvivere consuma e distrugge, rincorrendo forsennato la propria stessa fine. Questa tela — scrive Umberto Curi nel libro La morte del tempo (Bologna, il Mulino, 2021, pagine 130, euro 12) — costituisce una delle opere più influenti sugli sviluppi successivi dell’arte moderna, intorno alla quale molto resta ancora da chiarire. Certo è che per lo spettatore incline ad apprezzare, in un quadro, le armonie delle forme, la placidità del paesaggio, la rassicurante serenità dell’atmosfera, il capolavoro dell’artista spagnolo può risultare ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno