· Città del Vaticano ·

La scomparsa di Charlie Watts

L’altra faccia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 agosto 2021
Se uno dovesse chiedersi se Charlie Watts era il simbolo di quegli anni veloci, aggressivi, urlati, melodizzati e distorti, sorridenti e pieni di lacrime per il passato, e anche per il futuro durante la guerra fredda, si troverebbe di fronte alla sfinge di Edipo e al suo enigma: la prima risposta potrebbe essere apparentemente – e superficialmente – un no: il compianto batterista dei Rolling Stones, scomparso ieri a ottanta anni (nei Sessanta sarebbe stato impossibile pensare ad un batterista rock-blues come futuro ottantenne) era l’altra faccia della formazione inglese, sempre compassato, serio, sposo fedele per tutta la vita, dal 1964 con l’artista Shirley Ann Shepherd, lontano mille e più anni luce dalla trasgressività radicale del frontman Mick Jagger e degli altri, non solo Rolling. Quella faccia da duro, silenzioso, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno