· Città del Vaticano ·

Il pensiero (mai così attuale) di Louis Massignon

Amare il profugo più di sé stessi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 agosto 2021
«Attraverso Isacco da te prenderà nome una stirpe. Ma io farò diventare una grande nazione anche il figlio della schiava, perché è tua prole» (Genesi 21, 12b-13); «Saranno benedette per la tua discendenza tutte le nazioni della terra, perché tu hai obbedito alla mia voce» (Genesi 22, 18)
. Dopo una marea mediatica che, giustamente, pareva inesauribile, sono andati lentamente acquietandosi i riflettori puntati sul viaggio di Papa Francesco in Iraq. Ogni viaggio apostolico ha una portata storica, ma la percezione che quel «pellegrinaggio», da «penitente», abbia rappresentato qualcosa di diverso e di più, oltre il viaggio stesso, e non perché inedito per un Pontefice, la devo non poco, personalmente, a Louis Massignon, una personalità ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno