· Città del Vaticano ·

Sul rapporto fra identità ed alterità

Quando s’incontra l’altro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 agosto 2021
In un racconto composto nel 1977 e pubblicato per la prima volta in Italia nel 1980 con il titolo Venticinque agosto 1983 (Franco Maria Ricci editore, pagine 15-22; edizione da cui cito) Borges immagina l'incontro di un se stesso più giovane con uno più vecchio in una stanza d'albergo in un hotel di Adrogué, una cittadina a venti chilometri da Buenos Aires. Il tema è tutto descritto già nelle prime battute della storia. Un uomo arriva in un albergo e si accorge che qualcun altro aveva messo la sua firma sul registro degli ospiti: «Il mio nome, Jorge Luis Borges, era già stato scritto, e l’inchiostro era ancora fresco». Alla reception il padrone gli aveva comunicato la curiosa impressione che «lui fosse già salito». Ma poi, dopo averlo guardato bene, si era corretto ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno