· Città del Vaticano ·

Gente di spirito

Indinniazione con due “n”

18 agosto 2021
Come tutte le domeniche mattina arrivo in parrocchia. Cerco di arrivare un po’ prima della messa, così mi metto nei banchi a pregare un po’ e a disposizione per le confessioni. Arriva una signora (acconciatura, dialetto e stile tipici da “messa prima”, ancora un po’ disturbata dal fatto che la messa sia in un orario così tardo come le 7.30 del mattino di domenica) e mi dice che deve parlarmi. Qualche difficoltà all’udito fa sì che la conversazione sia praticamente in eurovisione.  — Don Manuel, sono indinniata. — Comunque si dice “indignata”, con “gn”, non con “nn”. — Dai don Manuel! Indignata con la gn è in bergamasco; una volta che parlo italiano me lo lasci fare! —. Capisco già che la conversazione sarà piuttosto impegnativa. E allora domando i motivi dell’indinniazione, con la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno