· Città del Vaticano ·

Un popolo abbandonato

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 agosto 2021
Nascere in agosto a Kabul non sembra un vero appuntamento con la vita, non sembra essere una vera scommessa sul futuro, ma, anche in queste ore, nel bel mezzo di una società che crolla a pezzi, non mancano medici volontari, che aiutano le donne nel parto. È questo il caso di Anees, bimba di una donna che non vuole far conoscere il suo nome, aiutata, ben più di una settimana fa, dalla Croce rossa a far nascere la piccola e ad abbandonare la città, per raggiungere suo marito ai confini col Pakistan. Forse sarà riuscita a mettere in salvo se stessa e la figlioletta. Incredibile come in mezzo al terrore di queste ore afghane non manchi lo stupore della vita che arriva. Di certo non è facile reperire notizie ufficiali, non è facile riuscire a parlare con qualcuno sul posto attraverso la rete ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno