· Città del Vaticano ·

Padre Raffaele Melis e il suo eroico sacrificio durante i bombardamenti su Roma

L’angelo della ferrovia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 agosto 2021
Erano le 11 del 13 agosto del 1943 quando centosei B-17 americani che passeranno alla storia con il nome di “fortezze volanti”, scortati da quarantacinque caccia P-45 Lightning, sganciarono le loro bombe su una capitale lacerata dalla guerra e dalla fame. Gli Alleati erano risaliti dalla Sicilia non senza difficoltà dopo lo sbarco del 10 luglio sulle coste sud-orientali dell’isola. Gli obiettivi primari erano stazioni e raccordi ferroviari, ma anche possibili depositi di carburanti e munizioni che potevano servire ai nazi-fascisti per reagire nel corso della smobilitazione verso nord. Il bombardamento statunitense colpì pesantemente il quartiere Appio-Tuscolano, vicino piazza Ragusa e Villa Fiorelli, e la zona del Pigneto a ridosso di Porta Maggiore, dove nel tratto della via Casilina dopo il ponte Casilino è ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno