· Città del Vaticano ·

Il santuario della Madonna del Carmine a Tornareccio

Massabielle d’Abruzzo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 agosto 2021
In una terra ove sorgono pascoli di fresca pastura e alveari che producono un prelibato miele, all’ombra dei resti di un castello dell’epoca altomedievale fatto costruire dai monaci benedettini, si erge Tornareccio. Meno di duemila abitanti, nell’arcidiocesi e provincia di Chieti, Tornareccio parrebbe un centro di per sé insignificante, quasi appisolato sui colli che dominano l’alta valle del Sangro e che collegano l’Appennino abruzzese alla costa adriatica. In realtà, la vivacità del paese non è solo economica — a motivo della rinomata apicoltura cui si è fatto cenno — ma pure artistica e spirituale. Da alcuni decenni, ormai, una serie di mosaici raffiguranti scene religiose e di vita artigiana fa corona al centro storico della cittadina che diventa un’originale mostra a cielo aperto, e, dall’altro ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno