· Città del Vaticano ·

Sull’immigrazione al confine con la Belarus

Polonia e Lituania chiedono aiuto all’Ue

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 agosto 2021
Bruxelles , 7. I governi di Polonia e Lituania hanno chiesto all’Unione europea di intervenire contro l’uso «cinico» dell’immigrazione irregolare come «un’arma» da parte della Belarus. Il premier polacco e l’omologa lituana hanno denunciato che i loro rispettivi Paesi sono i «bersagli principali» della «guerra ibrida» lanciata dal presidente Aleksander Lukashenko. La Lituania, con il supporto politico e operativo di Estonia, Lettonia, altri Stati membri, partner dell’Ue e agenzie europee, sta «facendo fronte» a tale pressione «per proteggere le frontiere esterne dell’Ue» — si legge in una nota congiunta — ed è «determinata a intraprendere tutte le misure necessarie in linea con la normativa comunitaria e internazionale». In particolare, Estonia, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno