· Città del Vaticano ·

Focus su Éric Rohmer al Transilvania International Film Festival

Sotto il segno della speranza

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 agosto 2021
«È meglio vivere sognando un ideale che adattarsi a una mediocre realtà e perdere ogni speranza». Con queste parole Delphin (Marie Riviere), protagonista del film Il Raggio Verde di Rohmer offre una chiave di lettura sulla filmografia del regista francese. Il film, assieme ad altri 7 dell’autore, è stato presentato nella sezione Close-Up Éric Rohmer della ventesima edizione del Transilvania International Film Festival (Tiff), svoltosi a Cluj-Napoca (Romania) dal 23 luglio al 31 agosto. Éric Rohmer (1920-2010), nome d’arte di Maurice Schérer, insegnante di lettere prima di occuparsi di cinema e collaboratore di André Bazin nella redazione dei Cahiers du Cinéma, è stato animatore della nouvelle vague del cinema francese insieme a Godard, Truffaut, Rivette e Chabrol. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno