· Città del Vaticano ·

Tra crisi politica, responsabilità internazionali e ricadute settarie

La stabilità sembra essere ancora molto lontana

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 agosto 2021
L’Afghanistan, dilaniato dalla guerra civile tra il governo centrale filo-occidentale ed i talebani, guarda al futuro con rinnovata preoccupazione. I radicali stanno conducendo una serie di offensive militari contro le città di Herat, Lashkar Gah, Kandahar e mirano a conquistare, nel giro di poco tempo, la loro prima capitale provinciale. La situazione sul campo è fluida e segnata da continue offensive e controffensive e i talebani potrebbero anche riuscire ad avere la meglio. I radicali, secondo quanto riferito da alcune fonti, controllerebbero già la metà dell’Afghanistan, inclusi una serie di importanti punti di frontiera con Iran e Pakistan. L’avanzata nelle zone rurali si è intensificata dopo l’annuncio del ritiro di tutte le truppe straniere entro il mese di settembre ed ora il nuovo obiettivo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno