· Città del Vaticano ·

Fuga dal Paese fantasma

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 agosto 2021
Da Kabul e da Herat si va via appena si può, nel timore che la situazione degeneri sempre più, senza il controllo militare internazionale. Il palazzo Darul Aman di Kabul, in alcune foto del noto reporter indiano, Danish Siddiqui, è, ad oggi, il simbolo decadente di una situazione rapidamente in evoluzione, che si intuiva già a inizio anno: nuovi scontri fra esercito e ribelli. Ora il trentenne Siddiqui, reporter della Reuters, non c’è più, ma restano i suoi ultimi preoccupanti scatti, la sua ultima foto di una notte afghana, in un Paese che sembra esser diventato fantasma, dove tanti vanno via sotto un cielo di stelle, che però lascia ancora intravedere, nella foto, le armi dei talebani. Qualcuno dice che il peggio deve ancora venire. Il reporter premio Pulitzer, assassinato mentre seguiva ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno