· Città del Vaticano ·

Parigi chiede la nomina di un nuovo premier

Alta tensione in Tunisia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 luglio 2021
Tunisi, 29. Rimane alta la tensione in Tunisia, sempre più in precario equilibrio dopo la crisi politica e istituzionale aperta dal presidente Kaïs Saïed: domenica scorsa ha destituito il primo ministro e sospeso il parlamento per un mese, assumendo anche le funzioni di capo dell’esecutivo. Alla base della crisi c’è l’instabilità politica e la grave situazione economica, esacerbata dalla pandemia. Mentre nel Paese si respira un clima di tensione e di sospensione, si intensificano le pressioni della comunità internazionale per il ripristino della democrazia. Dopo l’intervento dei giorni scorsi del presidente del Consiglio europeo Charles Michel, che ha sottolineato come «stabilità e democrazia» sono la priorità per il Paese, ieri è stata la volta di Parigi, che ha ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno