· Città del Vaticano ·

Il 22 luglio 1882 nasceva il pittore Edward Hopper

Camera senza vista

«Morning Sun» (1952)
21 luglio 2021
Quel “male di vivere” di montaliana memoria serpeggia nelle tele di Edward Hopper, innervandole di uno spessore che si configura come una potente denuncia: l’incomunicabilità tra le persone. Tale assioma implica a sua volta un male che progressivamente corrode il tessuto sociale: la solitudine, che soggioga l’individuo, irridendo i suoi tentativi di stabilire un costruttivo rapporto con il mondo. Ma il pessimismo di Hopper non si risolve in un cupo e accigliato, e dunque sterile, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno