· Città del Vaticano ·

Quei sacerdoti dal muso di cane

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 luglio 2021
Le inquietudini che funestarono la società medievale attraversarono anche il mondo femminile. Giacomo da Vitry, nel 1216 nominato vescovo di san Giovanni d’Acri da Innocenzo iii , quindi cardinale vescovo di Frascati da Gregorio ix , descrisse con toni entusiastici il movimento delle beghine che, dalla fine del dodicesimo secolo, si era diffuso nel ducato di Brabante, in particolar modo nella diocesi di Liegi. All’inizio tali donne praticavano un tipo di vita semireligiosa, dimorando nelle proprie case; si assistette poi alla nascita di piccole comunità e, in seguito, al formarsi di raggruppamenti anche di una certa consistenza. In alcune città collocate nell’attuale Francia del Nord, nei Paesi Bassi o in Germania, finirono così per svilupparsi grandi beghinaggi con centinaia di donne che vivevano secondo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno