· Città del Vaticano ·

Comincia il pellegrinaggio islamico alla Mecca che anche quest’anno subirà forti restrizioni a causa della pandemia

Sui passi di Abramo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 luglio 2021
Sessantamila residenti nel regno, tra i 18 e i 65 anni, vaccinati, e senza alcuna malattia cronica: per il secondo anno consecutivo l’Hajj, il grande pellegrinaggio alla sacra moschea della Mecca, in Arabia Saudita, che comincia sabato 17 luglio, si svolgerà con un numero di partecipanti drasticamente ridotto a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia di covid-19. Il ministero dell’Hajj e dell’Umrah, di fronte all’aumento dei contagi provocati dalle varianti del virus, si è visto costretto nuovamente a prendere «le più strette precauzioni sanitarie» e a vietare l’ingresso di fedeli musulmani dall’estero (erano state due milioni e mezzo le persone venute nel 2019 dal mondo intero). Oltre alle classiche misure di “distanziamento sociale”, le autorità saudite hanno introdotto una carta ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno