· Città del Vaticano ·

Da cinquant’anni dottore della Chiesa

Siena in festa per santa Caterina

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 ottobre 2020

«Penso che nella storia della Chiesa nessun altro santo abbia saputo meglio interpretare la differenza tra conoscenza e sapienza cristiana: semianalfabeta, non è andata a scuola, eppure la sua saggezza è stata di ausilio e supporto a potenti e dignitari di mezza Europa, e la sua intensa spiritualità ha pervaso l’intera Chiesa per i secoli a venire», esordisce così l’arcivescovo di Siena -Colle di Val d’Elsa - Montalcino, monsignor Augusto  Paolo Lojudice, nel presentare la ricorrenza, celebrata domenica 4 ottobre, dei 50 anni dalla proclamazione da parte del Papa san Paolo

vi , di santa Caterina dottore della Chiesa.  Una proclamazione che seguì di soli 7 giorni quella analoga di santa Teresa d’Avila, a testimonianza di quanto Papa Montini avesse in considerazione il genio spirituale e mistico femminile.

«Oltre la ricchezza dei contenuti, non può non impressionare — continua monsignor Lojudice — la sua cifra stilistica così raffinata pur nella povertà del suo pregresso culturale. Penso per esempio a quel piccolo capolavoro letterario che è Il dialogo della divina provvidenza , che insieme al ricco epistolario e alla raccolta delle preghiere è stato a fondamento del suo riconoscimento come dottore della Chiesa.  Uno stile che sa coniugare insieme gli opposti della delicatezza spirituale con la rocciositá della volontà e della fermezza della dottrina, e finanche alla rudezza delle ammonizioni che sa rivolgere a pontefici e re. Fragilità e focosità nello stesso registro».

Ci sono due aspetti del pensiero di Caterina che la rendono oggi estremamente attuale, aggiunge l’arcivescovo: «Il continuo adoperarsi per la pace duratura tra le nazioni, e soprattutto il suo appassionato e radicale impegno per la riforma e l’unità, della Chiesa. In questa ricorrenza abbiamo soprattutto pregato perché santa Caterina ispiri e sostenga l’analoga e coraggiosa intrapresa di Papa Francesco che — conclude il presule — ha riempito di soddisfazione e conforto la comunità cristiana senese lo scorso 29 aprile, quando ha affidato all’intercessione della santa — che ricordiamo è patrona d’Italia e copatrona d’Europa — la protezione della popolazione colpita dalla pandemia».

di Roberto Cetera