· Città del Vaticano ·

Nella solennità di Pentecoste il Papa celebra la messa in San Pietro e torna a recitare il Regina Caeli dalla finestra dello Studio privato

Per guarire dalla carestia di speranza

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 giugno 2020

In questo tempo di ripresa dopo la fase più acuta della pandemia da covid-19 «ci troviamo nella carestia della speranza e abbiamo bisogno di apprezzare il dono della vita, il dono che ciascuno di noi è». All’indomani del rosario presso la Grotta di Lourdes, nei Giardini vaticani — in collegamento con i santuari mariani internazionali — il Papa ha celebrato domenica mattina, 31 maggio, la messa di Pentecoste nella basilica Vaticana, alla presenza di una cinquantina di fedeli adeguatamente distanziati tra loro come impongono le norme volte a contrastare la diffusione del contagio. E all’omelia ha detto che «peggio di questa crisi, c’è solo il dramma di sprecarla, chiudendoci in noi stessi», esortando a invocare lo Spirito Santo per liberare il cuore «dalle paralisi dell’egoismo».

Anche al Regina Caeli — che Francesco è tornato a guidare dalla finestra dello Studio privato del Palazzo apostolico — è risuonato l’invito ad affidare all’intercessione del Paraclito l’unità della Chiesa, «comunità riconciliata e pronta alla missione». Al termine dell’antifona mariana il Pontefice ha chiesto ai fedeli presenti in piazza San Pietro una preghiera per l’Amazzonia, «duramente provata» dal coronavirus, e per tutti i poveri e gli indifesi, rilanciando l’appello «affinché non manchi a nessuno l’assistenza sanitaria». La priorità, ha scandito, è «curare le persone, che sono più importanti dell’economia». Il vescovo di Roma ha anche parlato della Giornata nazionale del sollievo, celebrata in Italia, rinnovando il proprio «apprezzamento a quanti, specialmente in questo periodo, hanno offerto e offrono la loro testimonianza di cura per il prossimo». In particolare il suo pensiero è andato agli operatori sanitari che si sono spesi e hanno dato la vita per i malati. Quindi ha augurato a tutti «il coraggio di cambiare, di essere migliori di prima e poter costruire positivamente la post-crisi».

Infine, lunedì 1° giugno, memoria liturgica della Beata Vergine Maria Madre della Chiesa — istituita l’11 febbraio 2018 — Francesco ha ricordato con un tweet su @Pontifex che «una Chiesa che è madre cammina sulla strada della tenerezza e della compassione. Chi è figlio della Chiesa è una persona mite, tenera, sorridente, piena di amore».

L'omelia del Papa

Regina Caeli