· Città del Vaticano ·

Lettera apostolica in forma di motu proprio di Papa Francesco
che modifica alcune norme del Codice dei Canoni delle Chiese Orientali

«Iam Pridem»

 «Iam Pridem»  QUO-089
17 aprile 2023

Pubblichiamo il testo — reso noto nella mattina di lunedì 17 aprile — della lettera apostolica in forma di motu proprio «Iam Pridem» di Papa Francesco con la quale vengono mutate alcune norme del Codice dei Canoni delle Chiese orientali relative ai vescovi che hanno raggiunto gli ottanta anni di età nel Sinodo dei vescovi delle rispettive Chiese «sui iuris».

Lettera Apostolica
in forma
di «Motu proprio»
del Sommo Pontefice
Francesco

Iam Pridem

Quibus normae quaedam Codicis Canonum Ecclesiarum Orientalium
immutantur ad Episcopos pertinentes, qui octogesimum
annum aetatis expleverunt,
in Synodo Episcoporum eorumdem
Ecclesiarum sui iuris

Già da tempo alcuni Patriarchi, Arcivescovi Maggiori e Vescovi hanno fatto notare al Dicastero per le Chiese Orientali le difficoltà emerse nei Sinodi dei Vescovi delle Chiese Patriarcali e Arcivescovili Maggiori, a causa del numero di Vescovi emeriti che ad essi partecipano con voce attiva, specialmente nell’elezione dei Vescovi e dei Capi e Padri delle rispettive Chiese sui iuris.

Questi Gerarchi hanno chiesto alla Sede Apostolica di emanare una norma che escluda dal voto deliberativo al compimento degli ottanta anni i Vescovi membri del Sinodo dei Vescovi.

Ai Patriarchi, agli Arcivescovi Maggiori, ai Vescovi eparchiali e agli Esarchi ordinati Vescovi in carica non si applicherà la norma, pur avendo compiuto gli ottanta anni di età.

Accogliendo l’invito dei Gerarchi e dopo aver consultato il Dicastero per le Chiese Orientali e il Dicastero per i Testi Legislativi, ho deciso di modificare i cann. 66, § 1, 102, 149 e 183 del Codice dei Canoni delle Chiese Orientali.

Considerate, pertanto, le necessità e il bene delle Chiese Patriarcali e Arcivescovili Maggiori,

dispongo quanto segue:

Art. 1. Can. 66, § 1, immutatur, ut sequitur: «§ 1. In electione Patriarchae voce activa fruuntur omnia et sola Synodi Episcoporum Ecclesiae patriarchalis membra, firmo can. 102, § 3».

Art. 2. Can. 102, post § 2, nova paragraphus adiungitur, quo norma sic perscribitur:

Ǥ 3. Exceptis Patriarchis et Episcopis eparchialibus adhuc in munere, octogesimo aetatis expleto anno, Episcopi suffragium deliberativum amittunt in Synodo Episcoporum et etiam in electione Patriarcharum, Episcoporum candidatorumque ad officia de quibus in can. 149.

§ 4. Pro certis negotiis expediendis a Patriarcha ad normam iuris particularis vel de consensu Synodi permanentis alii invitari possunt praesertim Hierarchae non Episcopi ac periti ad suas opiniones Episcopis in Synodo congregatis manifestandas firmo can. 66, § 2».

Art. 3. Can. 149 substituitur textu, qui sequitur: «Candidatos, saltem tres, ad officium Episcopi eparchialis, Episcopi coadiutoris vel Episcopi auxiliaris extra fines territorii Ecclesiae patriarchalis implendum Synodus Episcoporum Ecclesiae patriarchalis, firmo can. 102, § 3, et ad normam canonum de electionibus Episcoporum eligit et per Patriarcham Romano Pontifici ad nominationem proponit, secreto servato ab omnibus, qui quomodolibet electionis exitum noverunt, etiam erga candidatos».

Art. 4. Can. 183, § 1, immutatur, ut sequitur: «§ 1. Firmo can. 102, § 3, convocatione canonice facta, […]».

Quanto ho deliberato con questa Lettera Apostolica, ordino che abbia fermo e stabile vigore, nonostante qualsiasi cosa contraria anche se degna di speciale menzione, e che sia promulgato tramite pubblicazione su L’Osservatore Romano, entrando in vigore dopo un mese dalla pubblicazione e quindi inserito in Acta Apostolicae Sedis.

Dato a Roma, presso San Pietro, il giorno 16 aprile dell’anno 2023,
II  Domenica di Pasqua, undicesimo del Pontificato.

Francesco