· Città del Vaticano ·

InCopertina

La voce di noi stessi

InCopertina.jpg
03 settembre 2022

Tra le donne di cui parliamo, abbiamo scelto per la copertina Txai Suruí, la più giovane, perché la sua lotta per la salvaguardia dell’Amazzonia getta un ponte tra passato e futuro dell’attivismo ambientale femminile: raccoglie il testimone della tante eroine, e a volte martiri, della terra e nello stesso tempo mostra lungimiranza nell’individuare nuove e ulteriori forme di contrasto alla crisi ambientale che l’insipienza dell’uomo rischia di aggravare.
Nella lingua madre di Txai le persone si auto-identificano con il termine Paiter che significa "il nostro popolo", "noi stessi". Può ben diventare una auto-identificazione universale, perché la questione della salvaguardia della foresta amazzonica interpella il mondo intero, non è problema “casalingo” di un gruppo etnico di un migliaio di persone. Riguarda noi stessi.
A farla travalicare dai confini della sua tribù, fu proprio il padre di Txai, il gran capo Almir, primo amerindio suruì che ha potuto frequentare l’università, biologia, dove ha scoperto internet e l'importanza del Web per trasmettere la voce del suo popolo e dei popoli dell'Amazzonia. (Foto da Wikimedia Commons: Author Ana Pessoa/Midia Ninja/CopCollab25)