· Città del Vaticano ·

InCopertina

Ritratto di una suora
che volle studiare

 Ritratto di una suora che volle studiare  DCM-007
02 luglio 2022

L’opera in copertina è un particolare del primo ritratto di Juana Inés de la Cruz religiosa dell'ordine di San Gerolamo, poetessa, letterata, pensatrice e tanto altro nel Messico del Seicento, eseguito intorno al 1750 da Miguel Cabrera (1695–1768), il più noto pittore del tempo (articolo da pag.18). Meticcio nato a Oaxaca e poi trasferito a Città del Messico, la capitale del Vicereame della Nuova Spagna, ha creato arte religiosa e profana per la Chiesa cattolica e ricchi mecenati. I suoi dipinti di casta, raffiguranti matrimoni interrazziali tra amerindi, spagnoli e africani, sono considerati tra i migliori del genere. Nel 1756 realizzò un importante studio analitico dell’icona della Vergine di Guadalupe. Insieme a un gruppo di altri sei pittori analizzarono il dipinto, con occhi scientifici, non religiosi, individuando quattro diverse sostanze utilizzate nel dipinto: "olio, tempera con agglutinati, un aguazo, e una tempera simile ad un affresco”. Secondo Cabrera, nessun pittore era in grado di utilizzare tali tecniche nel xviii secolo, tanto meno nel xvi secolo, epoca della apparizione della Vegine al contadino Juan Diego Cuauhtlatoatzin sulla collinetta di Tepeyac. ( dcm )