· Città del Vaticano ·

Percorsi

Maria e le tante Marie
dei nostri giorni: il libro tra fede e vita di una orsolina

 Maria e le tante Marie dei nostri giorni: il libro tra fede e vita di una  orsolina   DCM-006
04 giugno 2022

Naike Monique Borgo è una suora giovane che da dieci anni si occupa di comunicazione per la diocesi di Vicenza. È delle Orsoline del Sacro Cuore di Maria e ora ha scritto La grammatica di Maria che è un libro e anche qualcosa di più, scandito come è da un alternarsi di brani evangelici, meditazioni, esperienze di vita e alcune immagini.

Scrive Chiara Giaccardi nella prefazione: «Quella di Maria, prima di tutto, è una grammatica della connessione. La vediamo nel racconto della visitazione, festa del legame indissolubile dei generi, delle generazioni, della storia ordinaria e di quella straordinaria, dell’umano e del divino, della quotidianità e dell’eternità.

Ma è anche una grammatica del paradosso. Maria ci aiuta, con il suo intero vivere e non solo con le sue parole, ad abitare con fecondità la tensione tra vitalità e forme sociali, umiltà e audacia, legge e pienezza traboccante (...)

E infatti Maria ci consegna una grammatica dell’eccedenza: quel “di più” che è la buona notizia da portare a tutti. Come scrive Naike, la grammatica dell’ordinario viene sconvolta dall’irruzione dello straordinario, che trasfigura la quotidianità e la rende immensa».

La quotidianità dell’autrice la porta a incontrare persone diverse e perciò stesso uniche. La giovane madre, la giornalista di lunga esperienza, la detenuta iscritta all’università, la violinista di strada ex insegnante di musica, e lavoratrici, professioniste, madri, mogli, suore.

La post-fazione è di Francesco Occhetta, gesuita, docente, giornalista professionista, comunicatore pure lui. «Nella Scrittura — scrive — i versetti che parlano di Maria sono pochissimi. Nelle poche volte che ella appare nei Vangeli è in penombra, sempre in relazione al Figlio, aperta e in ascolto alla volontà di Dio per rimanere fedele al suo sì.

Eppure, quando quei pochi versetti sono contemplati e vissuti dai discepoli e dalle discepole di ogni tempo, si generano rivelazioni private o libri densi come quello di suor Naike. La spiritualità mariana insegnata dai cuori semplici e buoni prolunga e interpreta la Parola rivelata, la cala nel tempo e si fa carne in chi la accoglie. Parla con il linguaggio e i volti del nostro tempo». ( dcm )