· Città del Vaticano ·

L’eroismo di un genitore nigeriano

Vende il tetto
per riabbracciare
il figlio rapito

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 gennaio 2022
Si chiama Saidu Faskari, il contadino nigeriano che in questi giorni è riuscito a raccogliere, attraverso una gara di solidarietà lanciata in rete, il denaro per il rilascio del figlio rapito. L’intenzione di Saidu era quella di vendere i mattoni e le lamiere del suo tetto e mettere insieme la somma richiesta dagli aguzzini. Ma il vicino di casa, Ibrahim M. Bawa, che di professione è giornalista, lo ha ripreso durante le operazioni di smontaggio di una parte del solaio e così la notizia è divenuta virale. In poco tempo il 65enne contadino è riuscito a mettere insieme i 100.000 naira (250 dollari) richiesti per la liberazione del figlio diciassettenne. Il ragazzo, peraltro, era rimasto vittima di un agguato dopo essersi recato a consegnare ai rapitori i 50.000 naira chiesti per il rilascio del ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati