· Città del Vaticano ·

Una riflessione su «D’amore, di silenzio e d’altre follie» di Roberto Italo Zanini

Quel briciolo di follia che aiuta a spiccare il volo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 gennaio 2022
«La sensazione che esista uno scarto fra ciò che sono e ciò che potrei essere ci accomuna un po’ tutti», la differenza sta però nel fatto che c’è chi si si lascia inquietare dalla voce interiore che interpella e chi invece cerca di tacitarla, di soffocarla. L’impulso che spinge Roberto Italo Zanini, giornalista di «Avvenire», a mettersi alla ricerca di uomini e donne che abbiano preso sul serio il richiamo interiore, accettando di percorrere vie inconsuete di reale cambiamento, lo porta a realizzare il suo ultimo libro, Di amore, di silenzio e di altre follie (Milano, Vita e pensiero, 2021, pagine 158, euro 14). Incontrandoli, ascoltandoli, narrandone le storie, ricostruisce il quadro inedito di una Chiesa ancora marginale, ma capace di donare autentici semi di speranza per un prossimo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati