· Città del Vaticano ·

Proteste in Mali contro le sanzioni dell’Ecowas

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 gennaio 2022
Bamako, 15. Le città del Mali sono affollate da migliaia di cittadini che manifestano contro le sanzioni imposte dalla Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas). I manifestanti, vestiti con i colori rosso, giallo e verde della bandiera maliana, affollano strade e piazze della capitale Bamako, ma anche di Kadiolo e Bougouni, sud del Mali, e Timbuctu, nel nord del Paese. Che succede? Sostanzialmente, il governo maliano ha deciso di non rispettare il periodo di transizione di diciotto mesi, concordato con l’Ecowas, per far nascere un nuovo governo. I militari hanno detto che ci potrebbero volere fino a cinque anni. Dunque, è arrivata la reazione dell’Ecowas attraverso una serie di sanzioni: chiusura dei confini, embargo commerciale, sospensione degli aiuti finanziari e congelamento dei beni del ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati