· Città del Vaticano ·

Trent’anni fa la firma degli accordi che ponevano fine alla guerra civile

La pace in Salvador tra passato e futuro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 gennaio 2022
Il castello di Chapultepec, a Città del Messico, ospita oggi il Museo nazionale di storia. Ma quello che le sue mura raccontano è anche un’altra storia: quella del Salvador. Tra le sale di questo edificio, infatti, il 16 gennaio 1992, venivano firmati gli accordi di pace che ponevano fine a dodici anni di guerra civile che, sul terreno salvadoregno, avevano lasciato 75.000 morti e più di un milione di profughi. Gli accordi del ’92 arrivano da lontano: nel 1979, un colpo di Stato fa salire al potere una giunta composta di militari e civili. Promosso da ufficiali riformisti, il golpe include anche esponenti progressisti che, però, vengono estromessi nel giro di poco tempo. Nel frattempo, formazioni paramilitari di estrema destra lacerano il Paese con azioni violente. A cadere sotto i loro colpi, il 24 marzo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati