· Città del Vaticano ·

A colloquio con Richard, figlio dello scrittore italoamericano Pietro Di Donato

Cristo fra i muratori

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 gennaio 2022
Tra i tanti autori italoamericani che non smettono di suscitare interesse, sia per il loro valore letterario che per lo spirito civile, Pietro Di Donato (West Hoboken 3.4. 1911 – Stony Brook 19.1.1992) merita senz’altro di essere ricordato. Pensiamo a «Cristo fra i muratori» (Christ in Concrete), scritto all’inizio degli anni Trenta e da cui Edward Dmytryk trasse il film Give Us This Day (1949), un romanzo che non è un’opera espressamente religiosa, ma è come se lo fosse perché la fede cristiana ne riempie ogni pagina, ne avvolge la stessa spina dorsale. Non a caso l’autore cita Cristo nel titolo per indicare quella sofferenza che tanti poveri cristi devono subire nella vita. Ma c’è anche un altro libro rappresentativo del suo anelito religioso. È The Penitent del 1962 (uscito in Italia con ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati