· Città del Vaticano ·

In Francia numerose diocesi hanno stanziato fondi per risarcire le vittime di abusi

Conversione e riparazione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 gennaio 2022
Rennes e Saint-Brieuc in Bretagna, Créteil nella periferia di Parigi, Nantes sulle rive della Loira, Bayeux, Evreux o Rouen in Normandia o ancora Besançon, in Franca Contea. Si allunga mano a mano la lista delle diocesi francesi che stanno concretizzando l’importante obiettivo fissato dalla Conferenza episcopale francese (Cef) al termine dell’assemblea plenaria di novembre, un mese dopo la pubblicazione del rapporto choc della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (Ciase): ricorrere a tutti i mezzi possibili, compresa la cessione di beni immobili e mobili, per finanziare il risarcimento delle vittime di violenze commesse da sacerdoti. Al fine di raccogliere e centralizzare i contributi versati a titolo gratuito e irrevocabile, un fondo di dotazione ad hoc è stato istituito dalla Chiesa francese. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati