· Città del Vaticano ·

Attacchi dell’Is nell’est della Siria

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 gennaio 2022
Damasco , 15. Almeno venti persone, tra militari e miliziani governativi siriani, sono state uccise da cellule del sedicente stato islamico (Is) dall’inizio dell’anno nella Siria centro-orientale. Lo ha riferito l’Osservatorio nazionale per i diritti umani, che dalla sua sede di Coventry documenta le violazioni dei diritti umani commessi in Siria. L’Osservatorio afferma che da ieri le forze governative stanno conducendo intensi pattugliamenti e rastrellamenti nel distretto sud-orientale di Abukamal, nella regione di Dayr az Zor confinante con l’Iraq, alla ricerca di terroristi dell’Is. Il sedicente stato islamico era stato dichiarato sconfitto in Siria nella primavera del 2019, ma cellule di miliziani dell’Is sono rimaste attive lungo tutta la valle dell’Eufrate, sia in Siria che in Iraq.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati