· Città del Vaticano ·

La memoria dei martiri di gennaio raccontata dalle chiese di Roma

Andare per trasalimenti lungo le vie della città...

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 gennaio 2022
«Andare per trasalimenti / da quest’esilio ad un altro / costantemente avversi / e fatti salvi / da la mano che sbuca / oltre la ràgia di nuvolette / come fossero il vestito bono / del Pastore / che traccia col rosso / del sangue / l’abbeverata dell’agnelli». Si può “andare per trasalimenti”, come suggeriscono i versi senesi del poeta e scultore Massimo Lippi, anche sulle strade di Roma, per esempio raggiungendo alcune delle chiese dedicate ai numerosi martiri di cui a gennaio si fa memoria. Tra loro c’è Prisca, ragazzina tredicenne uccisa durante l’impero di Claudio e festeggiata il 18 del mese. A lei è intitolata l’antichissima chiesa sul Palatino — oggi visibile nella sua fisionomia barocca — nella storia e nelle decorazioni della quale il nome della ragazza si confonde e s’intreccia con quello ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati