· Città del Vaticano ·

Un’intervista inedita al presidente del Parlamento europeo

La sfida cruciale
è progettare l’Europa
del post pandemia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 gennaio 2022
Di recente il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, aveva scritto, sul suo account ufficiale, che l’euro non è solo una moneta, ma è anche un simbolo di pace e integrazione. Erano questi, infatti, i valori dei padri fondatori, condivisi e perseguiti sia nel suo percorso giornalistico che in quello politico nel cuore delle istituzioni di Bruxelles. Aveva sempre espresso parole forti contro l’Europa dei muri, sin da quel famoso 1989, anno in cui fu fotografato dinanzi al muro di Berlino, che veniva giù a pezzi. All’Europa divisa, e poco accogliente, dei fili spinati contrapponeva l’Europa del dialogo e della solidarietà, affermando: «l'Unione non può diventare una fortezza contro la povera gente che scappa per la guerra, la fame o da regimi infami. Proteggere i nostri confini, specie ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati