· Città del Vaticano ·

Hic sunt leones

Il libero mercato africano compie un anno

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 gennaio 2022
Era il 5 dicembre del 2020 quando l’Assemblea dell’Unione africana (Ua) annunciò, durante la sua xiii sessione straordinaria tenutasi virtualmente a Johannesburg (Sud Africa), che lo scambio di merci nell’ambito dell’Africa Continental Free Trade Area (Afcfta) sarebbe iniziato dal 1° gennaio 2021. I traffici, stando al comunicato ufficiale del summit, si sarebbero svolti sulla base di «tariffari e concessioni legalmente attuabili e reciproci, con regole di origine concordate, e documentazione doganale allegata». Era comunque già chiaro che per rendere operativa l’Afcfta fosse necessario definire un negoziato sulla messa a punto delle direttive condivise riguardanti una molteplicità di questioni che, purtroppo, a distanza di un anno, sono, parzialmente, ancora in fase di negoziazione. Se da una parte ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati