· Città del Vaticano ·

I vescovi: «Pace per l’amato Kazakhstan»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
13 gennaio 2022
Nur Sultan, 13. La Chiesa del Kazakhstan ha chiesto ad una voce, con i suoi vescovi, pace per il Paese, chiamando tutti alla preghiera. Il vescovo della Santissima Trinità di Almaty e presidente della conferenza espiscopale del Kazakhstan, monsignor José Luis Mumbiela Sierra, ha detto: «La pace è un dono di Dio ma anche frutto del nostro impegno e del nostro lavoro. Questa pace è il sogno di un Kazakhstan multietnico, multireligioso, un Kazakhstan di concordia. Stiamo sognando ma stiamo anche costruendo perché questo sogno si realizzi». Monsignor Adelio Dell’Oro, vescovo di Karaganda, ha ammonito: «La violenza non condurrà a un nuovo mondo». Ogni singola vita, aveva ricordato, «è più preziosa del mondo intero». Monsignor Tomash Bernard Peta, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati