· Città del Vaticano ·

In tempo di pandemia

Vulnerabili ma coraggiosi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 gennaio 2022
All’inizio del capitolo iii dell’enciclica Fratelli tutti, introdotto dall’invito a «pensare e generare un mondo aperto», Papa Francesco afferma: «Un essere umano è fatto in modo tale che non si realizza, non si sviluppa e non può trovare la propria pienezza “se non attraverso un dono sincero di sé”. E ugualmente non giunge a riconoscere a fondo la propria verità se non nell’incontro con gli altri. “Non comunico effettivamente con me stesso se non nella misura in cui comunico con l’altro”. Questo spiega perché nessuno può sperimentare il valore della vita senza volti concreti da amare. Qui sta un segreto dell’autentica esistenza umana, perché “la vita sussiste dove c’è legame, comunione, fratellanza; ed è una vita più forte della morte quando è ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati