· Città del Vaticano ·

A 10 anni dal naufragio della Costa Concordia

Una tragedia evitabile

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 gennaio 2022
Sono passati 10 anni dal quel 13 gennaio del 2012, quando alle ore 21.45 e 7 secondi la nave da crociera Costa Concordia urta improvvisamente gli scogli de Le Scole, a 500 metri dal porto dell’Isola del Giglio, provocando una falla di 70 metri nello scafo e causando la morte di 32 persone, 80 feriti e 2 dispersi, tra passeggeri e membri dell’equipaggio. Comandata da Francesco Schettino (condannato a 16 anni di reclusione: 10 per omicidio plurimo colposo e lesioni colpose, 5 per naufragio colposo, 1 per abbandono della nave, giudizio penale confermato in via definitiva dalla Corte di cassazione il 12 maggio 2017), la Concordia con a bordo 4229 persone, era salpata dal porto di Civitavecchia in direzione di Savona per l’ultima tappa della crociera «Profumo d’agrumi». Ma non riuscì a raggiungere la costa ligure. A causa ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati