· Città del Vaticano ·

Musica e natura

Sinfonia della Creazione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 gennaio 2022
Un albero, le foglie, un ruscello che scorre leggiadro o in maniera tortuosa, il vento e anche sorelle stelle che in cielo il Signore ha creato clarite et pretiose et belle. Tutto il Creato risuona di Dio, e con Dio. È la magnifica partitura del Cielo, sublimi note di un pentagramma voluto dall’Onnipotente. Quando si dialoga con monsignor Marco Frisina è quasi inevitabile che il discorso cada su san Francesco e il suo Cantico. E, prima di questo, sulla creazione di cui Francesco d’Assisi è stato il più illustre cantore. Cantare ciò che il Signore ha creato, vuol dire soprattutto cantare la bellezza di Dio. E mentre nello studio del compositore Frisina si fa pomeriggio, il verso di alcuni uccelli fa capolino nella nostra conversazione. Sembra quasi che abbiano ascoltato le nostre parole e i loro versi non ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati