· Città del Vaticano ·

Nuovi rincari in Libano del pane e della benzina

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 gennaio 2022
Beirut, 12. Torna a salire la tensione in Libano, dopo che nelle ultime ore sono rincarati i prezzi del pane e della benzina. I media di Beirut riferiscono di diversi episodi di tensione verificatisi in varie regioni del Paese. Il sindacato dei panettieri ha fatto sapere che, se non giungeranno rifornimenti di materie prime dall’estero, entro due settimane i forni smetteranno di produrre pane. Analogamente, il sindacato dei benzinai ha avvertito di nuove possibili blocchi alla distribuzione di carburante nei prossimi giorni in vista di un razionamento dei combustibili. Sul mercato dei cambi, un dollaro è scambiato a 33.000 lire, un record negativo. Negli ultimi due anni la lira libanese ha perso più del 95% del suo valore. Il Libano è in default economico dal marzo del 2000. Il sistema bancario è ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati