· Città del Vaticano ·

Consultazioni con rappresentanti civili, sociali e i gruppi armati

L’Onu avvia colloqui

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 gennaio 2022
Khartoum , 12. «È tempo di porre fine alla violenza e di entrare in un processo consultivo»: così Volker Perthes, rappresentante speciale dell’Onu per il Sudan e capo della missione integrata di assistenza alla transizione delle Nazioni Unite nel Paese (Unitams), ha annunciato la decisione dell’Onu di avviare colloqui per aiutare la Nazione africana ad uscire dalla crisi politica scaturita dal golpe militare del 25 ottobre scorso. Le consultazioni, ha specificato Perthers, coinvolgeranno i rappresentanti politici, civili e sociali, nonché i gruppi armati. L’Onu procederà inizialmente con «colloqui indiretti», sperando poi in una seconda fase di negoziati veri e propri. Al momento, l’esercito non ha sollevato obiezioni; favorevoli anche Stati Uniti, Gran Bretagna, Emirati Arabi Uniti, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati