· Città del Vaticano ·

Dove la carità dà casa

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 gennaio 2022
È un piccolo appartamento composto da camera, cucina e servizi adiacente alla parrocchia romana di San Saturnino quello che dal 2015 la stessa ha messo a disposizione di rifugiati o richiedenti asilo segnalati dalla Prefettura alla Caritas diocesana di Roma. Una piccola ma utile realtà denominata Casa della carità «Carlo Iavazzo» a supporto della quale è impegnata una fitta rete di volontari che operano con la chiesa e che, con il tempo, hanno visto trasformarsi il lavoro di sostegno e integrazione degli ospiti in qualcosa che andava oltre: «Durante la permanenza delle persone accolte è necessario aiutarle nell’inserimento, nella conoscenza dell’italiano, accompagnarle dal medico, a scuola o semplicemente far vedere loro dove sono i servizi primari del quartiere», spiega don Marco ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati