· Città del Vaticano ·

Povertà, fame e freddo Afghani allo stremo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 gennaio 2022

In Afghanistan, l’aumento della fame, della povertà, il collasso economico e le temperature rigide rischiano di provocare un «disastro umanitario senza precedenti». Sono senza mezzi termini le affermazioni dell’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, su quanto sta accadendo nel martoriato Paese, dove il numero delle persone che hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria è salito a 22 milioni, la metà dei quali bambini e bambine. «Il tempo è finito», afferma l’Unicef, precisando che le strutture sanitarie traboccano di bambini malnutriti.

Secondo fonti del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, il 97 per cento degli afghani non ha cibo a sufficienza, e quasi l'intera popolazione (40 milioni di persone) potrebbe trovarsi al di sotto della soglia di povertà entro la fine dell’anno.