· Città del Vaticano ·

Centosessant’anni dell’evangelizzazione in Benin

Alla luce di «Africae munus»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 gennaio 2022
«La Chiesa in Benin è in festa perché celebra grandi eventi in questo giorno. Celebra la memoria dei primi missionari: commemoriamo la primavera di una Chiesa che ha accolto 160 anni fa i valorosi missionari della Società delle Missioni africane, Francesco Borghero e Francisco Fernández. E celebriamo anche la primavera di una Chiesa che dieci anni fa accoglieva con entusiasmo Benedetto xvi , venuto per celebrare con noi i 150 anni della nostra evangelizzazione, offrendoci l’esortazione apostolica post-sinodale Africae munus come guida». Così si è espresso il vescovo di Kandi, monsignor Clet Feliho, durante l’omelia della solenne concelebrazione eucaristica presieduta nei giorni scorsi dal presidente della Conferenza episcopale del Benin, monsignor Victor Agbanou, vescovo di Lokossa, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati