· Città del Vaticano ·

È morta la stimmatina albanese Maria Kaleta

Testimone coraggiosa della fede nell’eucarestia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 gennaio 2022
Tirana, 10. Andava dai sacerdoti di nascosto, negli anni duri del regime comunista in Albania, prendeva l’eucarestia e la portava agli ammalati, ai sacerdoti in prigione, battezzava i bambini dei villaggi e tutti quelli che si presentavano alla sua porta con l’acqua dei fiumi. Il grande cuore di suor Maria Kaleta, 92 anni, stimmatina albanese, ha cessato di battere nel suo convento di Scutari la notte tra l’1 e il 2 gennaio dopo una vita dedicata al prossimo nel segno di Gesù eucaristia. Con gesti pieni di amore e di fede, soprattutto dopo il 1967 quando tutte le chiese furono chiuse: il santissimo Sacramento veniva nascosto avvolto in teli di lino dentro scatole di cartone, e, per non farlo mancare a nessuno, la religiosa provvedette anche a produrlo grazie a una macchina ereditata dallo zio sacerdote, avvalendosi della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati