· Città del Vaticano ·

Il mondo in parrocchia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 gennaio 2022
«Oltre ai fedeli danesi, i miei parrocchiani vengono praticamente da tutto il mondo: Vietnam, Giappone, Filippine, India, Sri Lanka, Malaysia, Nigeria, Burundi, Somalia, Iraq, Libano, Polonia, Spagna, Italia, Regno Unito, Norvegia, Lituania, Brasile, Colombia, Messico, Ecuador, Stati Uniti, e varie altre nazioni. Posso dire che la mia chiesa è senz’altro cattolica». Una testimonianza di vera e propria fraternità tra popoli quella resa da padre Samuele Lando, sacerdote italiano che da anni svolge la sua missione in Danimarca. Adesso guida la parrocchia di San Canuto Lavard, a Kongens Lyngby, periferia di Copenaghen, il cui territorio comprende più o meno cinque comuni, il che vuol dire circa duecentomila fedeli, di cui 2600 cattolici (in Danimarca ci sono circa 5.800.000 abitanti di cui 50.960 cattolici). ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati