· Città del Vaticano ·

La lettura di Divo Barsotti

Un’esperienza viva di Cristo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 gennaio 2022
È certezza assoluta dell’intuito — «Non può essere l’amore se non vi è Dio» — più che il frutto di un ragionamento che miri a provare l’esistenza di Dio. L’amore c’è ed è eterno, perciò Dio è, secondo Fëdor Dostoevskij, del quale, in questo anno, si celebrano due ricorrenze: il bicentenario della nascita (a Mosca l’11 novembre 1821) e il centoquarantesimo della morte (a San Pietroburgo il 9 febbraio 1881). Doverosamente si moltiplicano le iniziative editoriali alla scoperta della ricchezza spirituale e umana di un autore davvero insuperabile. La Civiltà cattolica gli ha dedicato un volume di Accenti. Per altro è noto quanto Papa Francesco ami questo autore, per la sua umanità. La via per entrare con umiltà nel profondo del ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati